Barga, Cultura, Eventi, Storia|

Siamo finalmente giunti all’ultimo mese dell’anno: dicembre. In molti collegano questo mese al Natale, ma non c’è solo quello, ci sono altrettante tradizioni. 

A partire dall’8 dicembre con l’Immacolata Concezione, giorno dedicato alla Vergine Maria in cui si stabilì che ella era esonerata dal Peccato Originale, caratteristica che accomuna tutti gli esseri umani. Ma non è solo questo, questo giorno simboleggia il via alle feste natalizie, nelle case possiamo iniziare a vedere le ghirlande appese alle porte, i primi alberi di Natale che si intravedono dalle finestre, e nelle città si accendono le luci riempiendo quelle vie buie che si ritrovavano prima. 

Anche se, molte volte queste tradizioni vengono interrotte, perché in fin dei conti il Natale è uno stato d’animo.

Pochi giorni dopo il calendario segnerà un’altra data con una ricorrenza altrettanto importante: Santa Lucia; un detto asserisce “Santa Lucia, il giorno più breve che ci sia”, e questo perché con il calendario gregoriano il 13 dicembre corrispondeva al solstizio d’inverno, e quindi al giorno più breve dell’anno. 

Ma immancabili in questo mese sono i mercatini di Natale; luci, musica, dolci e cioccolate calde trasportandoci in un mondo magico e facendoci sentire ancora di più lo spirito natalizio che tanto aspettiamo. Eppure, le tradizioni non sono finite qua, perché in particolare ne esiste una che porta fortuna: da tempo è risaputo che baciarsi sotto al vischio è un porta fortuna per il loro amore e il nuovo anno che verrà.

Tuttavia, un’altra tradizione altrettanto importante è quella del ceppo di Natale (per alcuni tronchetto): risale a secoli fa e consiste nel far bruciare dal capofamiglia un ceppo nel camino la sera della Vigilia di Natale e farlo ardere per le dodici sere successive, ovvero fino all’Epifania. 

Insomma, di tradizioni ne abbiamo parecchie, ma sono proprio queste a far unire le persone e a rendere magico e speciale il giorno di Natale.

SITOGRAFIA

Dicembre e le sue tradizioni

Curiosità di natale – perché la casa si addobba l’8 dicembre

Mangia e bevi (origine della foto)

Romagnaatavola

— Articolo di Francesca Catoi

Comments are closed.

Close Search Window